RCL


Le macchine rettificatrici sono prodotte in due configurazioni base, l'una ad uno e l'altra a due utensili, le corse longitudinali, nelle varie versioni, sono in grado di rettificare cilindri fino a 1400 mm di lunghezza.
Tutti i meccanismi e la stessa motorizzazione sono integrati nel carro e occupano la parte anteriore della macchina, quindi facilmente manutengibili ed estremamente protetti, in quanto non esposti alle polveri ed ai trucioli prodotti durante le operazioni di rettifica.
Il quadro comando, contenente le apparecchiature elettroniche di potenza e regolazione continua della velocitÓ di traslazione, non Ŕ montato a bordo macchina, ma Ŕ collegato da un cavo munito di attacco rapido, quindi non Ŕ assoggettato alle vibrazioni della medesima durante le operazioni di rettifica ed Ŕ facilmente scollegabile e riponibile quando non si impiega la macchina.
Lo studio e la progettazione delle geometrie ha reso possibile la realizzazione di una macchina dall'aspetto regolare, simmetrico e di minimo ingombro, esaltando nel contempo un grande equilibrio statico e dinamico tanto da garantire la massima rigiditÓ ed assenza di vibrazioni in qualsiasi condizione di impiego.
Nella versione a due utensili, al realizzazione di due slitte trasversali indipendenti, regolabili separatamente, oltre che a rendere pi¨ agevole la messa a punto degli utensili, consente ai medesimi di assorbire le variazioni di carico univocamente in quanto ognuno Ŕ geometricamente compreso fra le proprie guide di spinta.
L'integrazione diretta delle guide per le slitte trasversali nella fusione del carro, ed il conseguente surdimensionamento del medesimo, per poterle contenere, hanno reso possibile l'utilizzo dello stesso basamento del monoutensile, mantenendo le stesse condizioni meccaniche e geometriche.
contatti